2 anni fa

4 note(s)

High Quality
obrigado Coimbra… vou passar o dia do meu primeiro quarto de século contigo!

obrigado Coimbra… vou passar o dia do meu primeiro quarto de século contigo!

2 anni fa

Portogallo - Brasile … come il giorno e la notte

Dopo un po’ li inizi a capire, e soprattutto perché NON parlano la stessa lingua, Portoghesi e Brasiliani sono MOLTO diversi tra loro.

Sì perchè i Portoghesi parlano il portoghese, quello pieno di grammatica, quello preciso con le regole, e si mangiano le parole … segue che, anche dopo un mese non è detto che capisci tutto quello che ti dicono con certezza (chiedere a ME STESSO mentre faccio la tesi per maggiori informazioni)…però se li capisci vuol dire che conosci bene la lingua, con tanto di regole grammaticali e te la puoi tirare;

i brasiliani dichiarano di non conoscere la grammatica e di NON capire perfettamente i portoghesi (pazzesco), ma almeno quando parli con loro capisci tutto e inoltre hanno dei modi di dire molto più divertenti e un’infinità di sinonimi della parole “pene”  , “scopare” e “gay” (geniali).

I portoghesi fanno la carne bene, ma i brasiliani la fanno MEGLIO (il churrasco domina)… i brasiliani amano il pesce, ma il baccalà buono è sempre quello portoghese.

Se vedi uno al bar con le braccia conserte e la faccia triste mentre il resto della discoteca balla, è portoghese… ma la musica portoghese (quella colma di tradizione) ha dei testi magnifici (atmosfere da pelle d’oca) ed è divertente vedere che solo i portoghesi cantano le canzoni portoghesi in discoteca mentre le hit brasiliane (che ovviamente hanno un testo volgarissimo) le cantano tutti.

Solitamente abitare con dei portoghesi è quasi come abitare da soli, ma perchè almeno qua loro non son in erasmus, di carattere sono più chiusi e il weekend se ne tornano a casa… penso sia normale che facciano più difficoltà a legare con i ragazzi di altre nazioni… probabilmente i portoghesi in erasmus sono simpatici pure loro… ma ci sono anche i portoghesi “giusti” , dalla parlantina veloce e molto simpatici, più rari da trovare, ma davvero belle persone! 

Ovvio che con i brasiliani in casa si ride di più e si fa più “gruppo” , ma anche loro sono nello stato di “erasmus” (Intercambio per loro) e quindi lo spirito è a priori diverso, anche se si sa che di base i brasiliani sono molto più allegri, aperti e festaioli!

Non ho ancora visto come guidano in Brasile, ma NON voglio saperlo, che già qua si rischia di morire solo stando in autobus (pazzi al volante).

Stranamente è facile spiegare il concetto di Terrone/Polentone: sia gli uni che gli altri si prendono pel culo da morire tra le varie regioni portoghesi o stati brasiliani… e dopo un po si apprezzano anche le differenze nelle varie pronunce, soprattutto se te le fanno notare i coinquilini.

C’è una cosa che li accomuna però… ovviamente… tutti e due son pazzi per il calcio. Come o peggio degli italiani, partite ovunque, anche di campionati assurdi. Odio per le squadre rivali a livelli altissimi (soprattutto i brasiliani).

Vedi gente che non esce a giocare a calcetto con gli amici perché c’è Benfica-Porto…

Bar palesemente vuoto, solo io che voglio vedere Milan-Juve e il barista che mi dice “eh no, gioca l’Académica Coimbra, non posso cambiare canale”

(nessun’altro a vedere la partita)…

Ragazze brasiliane che capiscono veramente di calcio e con tatuaggi della propria squadra…

Gente che pensa che Lucio sia uno dei migliori difensori di sempre (eh??)…

Finite le argomentazioni non si finisce a parlare del tempo qua, si parla di calcio!

Portoghesi a fare il carosello per la città perché il Coimbra è in finale di coppa… (forza Academica!!) 

Insomma, peccato che non c’è il mondiale st’estate, che nel caso ci fosse stato un Portogallo-Brasile ci sarebbe stato da ridere!

Viva l’Erasmus … até já!

2 anni fa

1 note(s)

The (erasmus) spirit carries on

Dopo un mese d’erasmus (quasi) arriva il giorno del concerto dei Dream Theater a Lisbona… e dici, bon, domani ho il concerto, stasera non faccio tardi… impossibile!!

Segue che salgo sul bus e in 12 secondi già dormivo… arrivati a Lisbona il Talento si dimostra MAGO della metro di Lisbona (grazie Simo che mi hai istruito bene) e in 10 minuti si è già trovato il luogo del concerto!   Due ore prima e c’è già gente in fila? Poco male, io DEVO mangiare!! 

Scopri che Lisbona è CARISSIMA in confronto a Coimbra, sia per la cena che per la birretta , quindi la scelta di Coimbra si conferma di gran lunga migliore!! 

Vogliamo parlare del concerto? Cioè di 5 alieni (4 dai, il cantante non è cosi über) che suonano per 2 ore senza sbagliare una mezza nota?

Rudess: barbetta ufo, genio delle note-a-caso a velocità pazzesca alla tastiera

Petrucci: spara facce geniali al pubblico quando è carico e conosce la magia nera, applicata alla chitarra. Assolo prima di “the spirit carries on” senza uguali.

Miyung: chi? 

LaBrie: in forma, canta bene anche se ogni tanto urla e lì sarebbe da spaccarlo di botte

Mangini: la novità, una macchina, fa un assolo di 10 minuti PAZZESCO, non posso fare un confronto con Portnoy perchè dal vivo non l’ho mai visto, però mi sento di dire: APPROVED.

Goduria musicale per 2 ore e passa, fortunato ad essere anche abbastanza vicino al palco… bella esperienza!!

E dopo il concerto?? Dici… beh Lisbona, ci saranno da fare 100000 cose… illuso, tutto chiuso… una fatica incredibile a trovare un baretto aperto… EPIC FAIL Lisbona di notte la domenica!  Con grande fatica arriva l’ora del bus di ritorno (7 di mattina), ma devo dire che ne è valsa la pena…

Dream Theater promossi, Lisbona rimandata, ma nel senso che ci devo tornare di sabato, dove già sappiamo che c’è il delirio!

"if I die tomorrow, I’d be all right  because I was to a Dream Theater concert"

Ate já! Abraço!

2 anni fa

1 note(s)

Ci voleva meno giudizio…

Sì perché ovviamente quando deve venirmi fuori il dente del giudzio? Beh ovvio, quando sono in erasmus… un male cane, maledetto dente…

ma a parte questo, sperando che una volta uscito non dia più fastidio (auto-gufata incredibile), qua è quasi già spuntata la primavera, gli alberi sono fioriti e ho visto passare uno in infradito, bermuda e t-shirt (mah), quindi per fare caldo, fa caldo… a parte in università, ho appena finito lezione in un aula al quinto piano di non so che parte della facoltà e faceva freddo col giubbotto… bellezza.

Tanto per cambiare tra mezz’ora ho una riunione col prof della tesi, quindi finito il post è meglio che mi inventi qualche schemino magico per dimostrare che ho lavorato (ma ho lavorato, quindi ho la coscienza apposto).

Per finire, perché non parlare del primo campetto di calcetto dell’erasmus? giocato prevalentemente in porta, e da li la gran fantasia degli altri a chiamarmi Buffon (mi aspettavo almeno un Sirigu o un Amelia), dove sono riuscito a fare una parata PAZZESCA, ma anche a prendere 302827 gol, ma solo perché i brasiliani son fortissimi in attacco e imbarazzanti in difesa.

Prossimo appuntamento al campetto? penso sabato prossimo, dove sfoggiare nuovamente le nuove scarpe da calcio pagate 7 euro e mezzo, che effettivamente sono proprio delle scarpe di merda!

Viva il Portogallo, un po meno l’ingegneria , quella mi sta proprio sui coglioni.

Ma sono quasi una persona giudiziosa, quindi continuo a fare il nerd.

(post scritto stamattina, quindi fate le dovute correzioni temporali)

Ate já, beijinhos!

2 anni fa

Matlab licenza studente? Non ha prezzo, per il resto c’è Mastercard

Stai due pomeriggi a smenare perchè non funziona niente su Matlab, finchè non scopri che hai bisogno della versione del 2011… ah ottimo, senza di quella non posso fare la tesi. Vai dal prof a chiedere umilmente una copia: “eh no, costa troppo la licenza” 

"e se me la scarico?"

 ”eh no, non voglio usare copie pirata per la tesi, prova a vedere la licenza da studente”

Ah ok, dici… sarà gratis no? EEE… 90 euro per la versione scrausa del programma…

E QUINDI?  … alla fine il prof cede (o almeno cosi mi han detto gli assistenti) e riesci ad avere una versione del 2011 … totale: 1 giorno intero buttato a cercare di installare versioni di matlab che non funzionano (secondo me le passavano non funzionanti apposta) finchè alle 6, dopo 19273 ore una funziona e si può cominciare.

Ora, non avendo avuto la possibilità di fare niente, perchè il prof mi ha messo una riunione a mezzogiorno?? per dirmi che dovevo comprare matlab prima di venire in portogallo??

Che caga-cazzi, che in portoghese ancora non so come si dice, ma presto mi informerò.

Meno male che il laboratorio e caldo e i nerd qua intorno sono simpatici e disponibili, senno potevo iniziare a esportare la sana bestemmia friulana qui a Coimbra!

…non vedo l’ora di andare in mensa…

Até mais!! 

2 anni fa

2 note(s)

L’appartamento portoghese

Oh che bella camera… peccato che in portogallo non esiste il riscaldamento in casa, quindi tocca far l’abitudine ad avere più freddo in casa che fuori (pazzesco).

Ti capita che passeggi cercando camere libere con un amico, e una coppia di anziani portoghesi ferma in macchina col finestrino abbassato (perchè??) ti ascolta e ti chiede se stai cercando casa… ovvio. Bene, sali in macchina e arrivi alla casa che stavi sempre cercando: tutte camere singole, tot bagni, cucina grande, zona tranquilla, prezzi super ottimi! Bon, fatta, presa… e dopo lo smadonno del trasloco e della burocrazia portoghese (salvateci da lei), mi sono sistemato!

Aspettando che accada qualcosa di talmente idiota qua dentro da dare il nome alla casa, sto diventando più brasiliano che portoghese poiché con me vivono altre 4 persone brasiliane (e c’è ancora una camera libera), un italiano e un ceco (il veterano) .

Culo incredibile a trovare sto posto!

Si inizia a insegnare a cucinare ai Brasileiros! 

A gente se fala! Até mais!

Beijinhos!

2 anni fa

4 note(s)

"mamma guidi tu fin Venezia?" "si , certo" … "mamma, fermati al primo autogrill va…"

Sì perchè far guidare mia mamma in autostrada, meglio di no. Però in qualche modo son arrivato a Coimbra senza fastidi, a parte alla stazione dei treni a Lisbona dove ho fatto un po di scale a vuoto… mona io che chiedo indicazioni in portoghese, perchè poi loro ci prendono la mano e pensano che hai un dottorato in Portoghese e li capisci perfettamente. Treni portoghesi, sì, non serve obliterare il biglietto perchè c’è l’orario del viaggio sopra, quindi se non lo usi, cazzi tuoi, sul treno che va a 800 all’ora c’è la tv e l’attacco per le cuffie, e il controllore vi dice “botard” se viaggiate di pomeriggio.Che bel ricordo trenitalia!

La parte più bella del viaggio restano comunque i discorsi a caso fatti con i tassisti, loro sono abituati ai turisti, parlano piano e li capisci;

La parte più brutta è che ti rendi conto che Michel Telò è famoso anche in portogallo e che non è stato assassinato mentre ti trovavi sull’aereo.

Ora scrivo da una residenza universitaria di Coimbra, roba che quando mi hanno aperto mi hanno detto “perchè non sei andato in quella vicino a ingegneria? questa è la più vecchia e brutta della città…” 

Ah ma grazie, simpatici quelli dell’università a riservarmi una camera proprio qui!

La prossima missione è telefonare a gente portoghese per cercare casa… sarà facile come comprare un aereo con lire maltesi dal fruttivendolo.

Até mais, e buon erasmus a ME!